Prodotti

Per costruire una struttura d'arrampicata bisognerà definire le varie parti che la compongono.


Struttura

La struttura portante è lo scheletro di sostegno di una parete d'arrampicata. Ne deve garantire l' assoluta sicurezza. Anche se spesso rimane nascosta dietro i pannelli, la qualità della progettazione, della fattura, del assemblaggio sono a dir poco fondamentali. Ne esistono varie tipologie...


Rivestimento

I pannelli di rivestimento sono "la pelle" della parete d'arrampicata. Sono l'interfaccia di chi guarda e chi utilizza la struttura. Devono garantire la sicurezza, l'estetica, la funzionalità e la resistenza nel tempo delle strutture artificiali per l'arrampicata. I pannelli possono essere in multistrato o vetroresina con vari tipi di finiture e possibilità di assemblaggio.


Accessori

Tutto ciò che può venir facilmente montato e smontato dalla parete è considerato accessorio. Ci sono le prese da arrampicata a rilievo o ad incasso, le macrostrutture "volumi" in multistrato o vetroresina, i rinvii fissi...


Tecnologie

Plywood-panels

Abbiamo sviluppato delle tecnologie che garantiscono la qualità e la sicurezza dei nostri prodotti.
Dalla progettazione di modelli tridimensionali nei quali vengono definiti tutti i dettagli e verificate tutte le incognite, alla lavorazione dei materiali con macchine a controllo numerico, alla ricerca sui materiali che ci permette di offrirvi finiture di pannelli che non si sporcano, prese d'arrampicata che non si rompono...

Strutture

struttura

Alla base della struttura sono i montanti verticali – profili a binario su trave in acciaio - su cui vengono assemblati i pannelli: direttamente per i settori verticali, tramite sistemi reticolari per i settori a strapiombo.
I montanti verticali sono fissati agli elementi strutturali dell’edificio o ad una struttura autoportante appositamente realizzata.
Una struttura per arrampicata trasmette all’edificio momenti con effetti di ribaltamento, è perciò necessario valutare con attenzione le possibilità di fissaggio.
La situazione più favorevole è il muro in cemento armato.
In caso di altre tipologie edili ( travi e pilastri con tamponamento in laterizio, pannelli prefabbricati, muri spessi in pietra..) è necessario individuare gli elementi adeguati a sopportare i nuovi carichi, dimensionare i montanti verticali in funzione della distanza verticale tra gli ancoraggi validi.
Nel caso sia presenti solo strutture verticali – esempio pilastri – sarà necessario posare una prima orditura di travi orizzontali a cui poi fissare i montanti verticali.
Ogni struttura è calcolata e testata in conformità alla norma Europea EN 12572-1: i punti di ancoraggio della corda di sicurezza sono calcolati per un carico nominale di 6.6 Kn ed hanno un carico minimo di rottura di 20 Kn.
Il modello della struttura viene analizzato in tutte le possibili combinazioni di carico, determinate dalla azione concomitante di più atleti ed eventualmente degli agenti atmosferici.

Autoportanti

In questo caso si realizza una struttura in grado di autosostenersi , sopportare i carichi generati dagli arrampicatori ed in caso di impianti outdoor il carico del vento e della neve.
Realizziamo sia strutture monofacciali, dove una serie di telai reticolari, a vista, sostiene la parete per arrampicata, sia torri dove le pareti rivestono completamente il traliccio portante.
Tra le nostre realizzazioni prendono sempre più spazio gli impianti dove la struttura portante, a vista, assume valore architettonico, garantendo al contempo una valida copertura della parete.
In questo caso la scelta del materiale da utilizzare dipende dal sito in cui verrà installata la struttura: acciaio, legno lamellare, legno/acciaio.

Ancorate

struttura

Costituite dalla struttura portante, in acciaio, fissata ad un edificio esistente, e dal rivestimento in pannelli.
La struttura portante permette l'assemblaggio dei pannelli di rivestimento e sopporta i carichi generati dall'azione degli arrampicatori e li trasmette all’edificio: gli ancoraggi per la corda di sicurezza (punti di protezione) riportano i carichi direttamente alla struttura portante.
Il rivestimento è costituito da pannelli Sint-Grips multistrato o in compositi

STRUTTURE BOULDER

Pareti di limitata altezza, max mt 4.50. Sono prive di punti di protezione, le cadute sono ammortizzate da appositi materassi.
Come per la pareti da utilizzare con la corda di sicurezza, anche le pareti boulder possono essere fissate ad edifici esistenti o costituire blocchi autoportanti.
Nel primo caso possono attrezzare una parete, con successione di pannelli a diversa inclinazione e profilo, oppure arredare una sala dedicata, dove tutte le pareti sono attrezzate, al centro possono prendere forma torri, mentre volte a strapiombo si protendono lungo il soffitto.
Nel secondo caso simulano un masso naturale, o prendono la tipica configurazione a “fungo”, con una struttura centrale a sostenere quattro facce con diverso profilo, o ancora forme geometriche a diamante.
Struttura portante e rivestimento presentano le stesse caratteristiche della strutture “con corda”, possono essere utilizzati tutti i modelli di pannelli Sint-Grips.
Strutture che ben si adattano ad un utilizzo casalingo, la limitata altezza, la struttura portante più leggera e semplice, consentono per i modelli più semplici una veloce installazione fai da te – vai all'e-shop -
Per una efficace protezione dalla cadute è necessario prevedere un superficie ammortizzante di adeguate dimensioni e caratteristiche.
Una ventennale esperienza ci ha portato a realizzare un materasso che unisce ad una alta capacità di assorbimento dell'impatto, ottima resistenza alla penetrazione – durante le cadute in piedi, una buona stabilità nella camminata, continuità del rivestimento, alta resistenza usura, facilità di sostituzione del telo superiore, privo di cerniere ed altri punti deboli.
Spessore cm 38 in schiuma espansa bi-densità, rivestimento in pvc.
Disponibile con rivestimento e schiuma certificati classe 1 al fuoco.

Materiale Rivestimenti

rivestimenti

Finiture

La finitura è lo strato superficiale più esterno del rivestimento della parete.

"DURAFINISH"
Questa è la finitura con cui abbiamo realizzato centinaia di pareti d'arrampicata da oltre vent'anni e che tutt'oggi è un punto di forza della nostra azienda.
È costituito da uno strato di sabbia al quarzo, inglobata in due mani di una speciale vernice epossidica all'acqua (senza emissioni). Questo rivestimento garantisce una ruvidità ottimale per l'arrampicata, durata del pannello e riduce drasticamente il formarsi di striature nere dovute all'uso delle scarpette d'arrampicata. Questo tipo di finitura può essere realizzato con grane diverse (fine, normale o grossa)

"GRIPFINISH"
Questa è la finitura standard dei volumi in vetroresina. È costituita da un gelcoat isoftalico (resina colorata con elevate caratteristiche di resistenza) miscelato con sabbia di quarzo per aumentarne la durezza. La ruvidità è ottenuta dallo stampo-matrice.



Pannelli in Vetroresina

I nostri pannelli in composito presentano identico trattamento dei pannelli in multistrato (Durafinish), con doppio strato di smalto epossidico additivato con sabbia al quarzo 0.1/0.4. Nella maggior parte dei casi, i pannelli in vetroresina presentano una finitura antisdrucciolo direttamente ricavata dallo stampo, questo causa una veloce usura del pannello che in breve si presenta solcato da antiestetiche “righe” nere e diventa scivoloso. Il rivestimento “secondario” da noi utilizzato presenta elevatissima resistenza alla usura ed è di facile pulizia.

I pannelli possono essere forniti nelle tinte RAL o essere decorati su misura all'aerografo per una finitura realistica simil roccia.

vetroresina

mod. E-lite

  • Pannello in stratificato di resina poliestere rinforzata con fibra di vetro, superficie interamente modellata simil roccia, in nove diversi modelli.
  • I pannelli presentano contorni ondulati ed assemblati danno vita ad una parete tridimensionale: diverse soluzioni di assemblaggio consentono di realizzare pareti a strapiombo, appoggiate.....
  • I pannelli sono predisposti con inserti filettati per il fissaggio delle prese a rilievo (10/mq).
  • L'area circostante agli inserti è perfettamente piana, per evitare rischi di rottura delle prese.
  • I pannelli sono progettati con bordi arrotondati in modo da evitare spigoli in corrispondenza dei tamponamenti laterali
  • Gli inserti sono dotati di placca di rinforzo in multistrato.
  • Dimensioni del pannello cm 300x100, nove diverse forme.

mod. Livingstone

  • Pannelli in stratificato di resina poliestere rinforzata con fibra di vetro.
  • Il pannello viene prodotto su stampi realizzati su misura che permettono di replicare qualsiasi conformazione di roccia naturale. Può essere modellato con prese e appoggi, o predisposto con inserti per il fissaggio delle prese a rilievo e ad incasso.

Pannelli in Multistrato

simple

Pannelli realizzati in multistrato di betulla spessore 18 mm, incollaggio in classe E1 per le emissioni di formaldeide.
Faccia anteriore rifinita con rivestimento DURA FINISH.
Predisposti con reticolo di inserti filettati M10, densità 32/mq, per il fissaggio delle prese a rilievo.
A richiesta possono essere predisposti con alloggiamenti per le apposite prese ad incasso standard o mega.

colori Oltre che i colori standard sono disponibili, su richiesta, in tutte le tinte RAL
Disponibili sia nella versione Standard ( taglio in squadratura ) che Diamond ( taglio poligonale).
Proponiamo due diverse lavorazioni della faccia anteriore.

La qualità dei pannelli Sint-Grips è riconosciuta universalmente dai nostri clienti, ecco i loro punti di forza:

  • Un elevato numero di strati unito alla qualità dell'incollaggio garantiscono alta resistenza non solo della faccia del pannello, ma anche degli spigoli, aree particolarmente soggetta alla sbeccatura.
  • Il rivestimento Dura Finish garantisce un'omogenea e regolare superficie granulare, con una elevatissima resistenza alla usura, che non trattiene lo sporco e di facile pulizia.
  • La resina utilizzata è inodore ed al tatto offre una sensazione molto simile ad una arenaria naturale, ben diverso dalla sensazione “artificiale” e “grassa” del rivestimento in resina poliestere.
  • La tinta – in tutte le tonalità RAL – è immessa nella massa, non viene così asportata durante l'arrampicata.
carved

Gli inserti per il fissaggio delle prese a rilievo sono realizzati su nostro disegno: presentano base allargata – mm40x40 – per evitare lo sprofondamento nel pannello, lo spessore e qualità del metallo garantiscono una lunga durata del filetto anche in caso di ripetute operazioni di sostituzione delle prese. Sono fissati sul retro con doppia vite autofilettante 5x20 garantendo nel modo più assoluto il loro distacco dal pannello. A fronte degli onerosi, ed a volte difficili, interventi di manutenzione una scelta di qualità si rivelerà sul medio periodo più vantaggiosa anche economicamente.
Linee speciali:

  • Roc 90 – pannello disponibile nelle lavorazioni Simple o Carved, certificato per la reazione al fuoco.
  • Classe 1 – Italia – in conformità al D.M. 26.06.84
  • Classe B1 – Austria – ONORM Outdoor – Pannello realizzato in multistrato okumè 18 mm, incollaggio classe 3 per ambiente umido, inserti filettati realizzati in acciaio inox, rivestimento della faccia posteriore con prottetivo anti muffa ed anti insetto.
  • Disponibile nelle lavorazioni Carved e Simple.


Certificazioni

Tutti i nostri modelli di pannelli sono certificati in conformità alla norma EN 12572-1: test di sfondamento – test di resistenza alla estrazione degli inserti di fissaggio delle prese. Plywood-panels"
Tutti i pannelli (Multistrato e Vetroresina) possono essere realizzati e certificati in classe 1 di reazione al fuoco.

Riferimenti normativi:
  • Classe 1 – Italia – in conformità al D.M. 26.06.1984
  • Classe B1 – Austria – Germania
  • NOTA: I pannelli delle linee normali sono in classe 2/B2



Accessori

Prese

prese

Elementi che simulano le asperità di una parete naturale e possono essere utilizzati quali appoggio per il piede o presa per le mani.
Sono realizzati con una miscela di resina poliuretanica colata in appositi stampi. La resina poliuretanica è una resina con un elevata elasticità, che garantisce la resistenza dell'appiglio anche se fissata su un supporto non perfettamente piano. Le prese in PU sono praticamente indistruttibili!
Le forme, pur riproducendo le principali prensioni naturali, evitano la presenza di elementi troppo traumatici, punte, spigoli acuti, ricercando forme il più possibile ergonomiche e funzionali.

Le prese a rilievo sono le più utilizzate e possono essere applicate su qualsiasi supporto, pannelli in legno, muratura, pannelli per arrampicata.
Abbiamo disponibili circa 800 modelli, di continuo rinnovati e integrati, in 5 taglie: micro-small-medium-large-Xlarge.

Le prese sono disponibili in diversi colori-immessi nella massa-che permettono la identificazione dei diversi itinerari di arrampicata.
Nella maggior parte dei casi le prese sono fissate con una vite TCEI M10, per alcuni modelli di limitato spessore è necessario utilizzare viti TSPEI M10, per le prese di spessore millimetrico ( utilizzate soprattutto nel boulder) si rende necessario il fissaggio con viti autofilettanti per legno.
Per alcune prese molto allungate su di un asse, è necessaria una seconda vite ( autofilettante per legno) onde evitare la rotazione.
La seconda vite è inserita anche in altri modelli e potrà essere utilizzata quando si voglia evitare ogni rischio di rotazione ( esempio in competizione).
La sede della vite principale è dotata di rondella, per distribuire lo sforzo, ma soprattutto per evitare l'attrito vite/resina consentendo un più agevole ed efficace serraggio.

Le prese si suddividono in due grandi categorie: a rilievo ed incasso.
Le prese a rilievo sporgono dal piano del pannello, mentre quelle ad incasso formano degli appigli rientranti come buchi o tasche.

Le prese sono assortite in set: alcuni sono omogenei per taglia, altri per tipologia di prensione, altri offrono un mix di taglie e prensioni.
In caso di fornitura a completamento di una struttura per arrampicata si considerano normalmente 4-5 prese/mq nelle seguenti percentuali: 15% micro - 20% small - 30% medium - 20% large - 15% Xlarge.


Le prese ad incasso debbono essere inserite negli appositi alloggiamenti predisposti nei pannelli.
Le prese incasso standard hanno diametro di 12 cm, possono essere ruotate in tutte le posizioni. 10 modelli disponibili.
Le prese incasso mega hanno diametro di 40 cm, possono essere ruotate in otto posizioni, devono essere fissate con doppia vite centrale e radiale. 6 modelli disponibili.

RISPONDONO NUOVA NORMA 12572-3 REALIZZATE IN PU (RESINA POLIURETANICA)


volumi

VOLUMI

I volumi sono delle macrostrutture che vengono fissate direttamente ai pannelli (su pannelli in multistrato piano o su spigoli a 90°), ampliando enormemente il potenziale tecnico della struttura. Rendono possibile la creazione di un'ampia gamma di movimenti in più, e arrichiscono la struttura con forme e colori diversi.

I volumi possono essere utilizzati direttamente come appigli e appoggi, ma sono quasi tutti anche predisposti anche per il fissaggio delle prese intercambiabili a rilievo.

Possono essere realizzati in legno multistrato (WOod-LUMES), che vengono forniti in kit da assemblare, oppure possono essere realizzati in vetroresina. I volumi in legno hanno in genere il vantaggio di avere più possibilità di fissaggio per le prese intercambiabili, mentre quelli in vetroresina offrono più possibilità di prensione come appigli e appoggi.

I volumi in legno possono essere forniti grezzi, o rivestiti con il sistema "DURA FINISH" (elevatissima resistenza: stato di sabbia al quarzo inglobato tra due strati di una vernice epossidica all'acqua).

I volumi in vetroresina possono essere forniti con la finitura "GRIP FINISH" (finitura superficiale come le prese intercambiabili) o "DURA FINISH".

I volumi in vetroresina hanno delle placche in multistrato di rinforzo in corrispondenza delle aree di fissaggio delle prese intercambiabili. Le aree di fissaggio inoltre sono perfettamente piane per un area di almeno 10 x 10cm.